it nl fr

Cosa non fare durante la cottura della pasta?

Sembra facile cuocere la pasta, tuttavia non mancano i consigli al riguardo. Ma non tutti sono davvero utili ed efficaci. Ho stilato 5 false buone soluzioni da non prendere assolutamente in considerazione durante la cottura della pasta secca.

1. Aggiungere dell'olio
Aggiungi talvolta un filo d'olio all'acqua bollente per non fare attaccare la pasta? È un crimine! Quindi fermati perché non otterrai nulla di buono. L'olio e l'acqua non si mischiano, ma si respingono; inoltre essendo l'olio più leggero dell'acqua, rimane in superficie. Aggiungere olio non è quindi di nessuna utilità.

2. Cuocere la pasta con poca acqua
Se cuoci la pasta in un volume di acqua insufficiente, otterrai una specie di colla rischiando di formare un impasto di pasta nell'acqua. La pasta contiene amido. Le molecole di amido si liberano nell'acqua.  Queste molecole si aprono a contatto con l'acqua calda. Le molecole d'acqua si attaccano alle molecole di amido creando una sorta di sostanza appiccicosa. Se la pasta viene cotta in un grande volume di acqua, questa sostanza viene diluita. Inoltre, la temperatura di una grande quantità d'acqua praticamente non diminuisce quando si aggiunge all'acqua una piccola quantità di pasta. Una temperatura elevata costante garantisce una cottura a puntino più rapida.

3. Versare la pasta nell'acqua e attendere
Mescola la pasta dopo averla aggiunta nella pentola. Questo permette alle molecole di amido di disperdersi nell'acqua, evitando che restino attaccate alla pasta.

4. Salare l'acqua prima che riprenda il bollore
Non ci stanchiamo di ripeterlo: aggiungere del sale all'acqua aumenta la soglia del bollore, e questo accelera la cottura a puntino. Si devono aggiungere circa 360 g di sale a 1 litro di acqua per aumentare la soglia del bollore di 6 gradi. La pasta sarà quindi cotta un po' più velocemente, ma la domanda è sapere se è ancora mangiabile. Molte persone, soprattutto in Italia, aggiungono 10 g di sale per litro di acqua. Perché? È una questione di gusto.

5. Far scuocere la pasta
La pasta deve essere cotta al dente. Il tempo di cottura indicato sulla confezione è indicativo. Verifica quindi assaggiando la pasta. Se avverti ancora una leggera resistenza quando la addenti, in tal caso è al dente. Mi permetto tuttavia un'osservazione. È preferibile togliere la pasta dall'acqua prima che sia del tutto al dente. La cottura della pasta va infatti avanti ancora per un po', senza dimenticare che deve essere aggiunto anche il sugo caldo, e questo prolunga un altro po' la cottura.

Fonte: http://southandpepper.com/5-donts-van-pasta-koken/